Settimana 21-27 luglio 2019

 

Gesù è accolto con premurosa e fine ospitalità da Marta e Maria. Le due sorelle ci insegnano che l’amore per Cristo si concretizza nelle opere, ma come bene comprende Maria, soprattutto nell’ascolto della sua Parola.

I DONI DI DIO SONO PER CHI SA ASCOLTARE

Commento - Disegno: Stefano Pachì


IL valore dell’ospitalità riserva un dono inatteso, come dirà l’autore della lettera agli Ebrei commentando l’episodio accaduto alle Querce di Mamre (I Lettura): «Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli» (Eb 13,2). L’ospitalità di Abramo sarà premiata. Anche le sorelle di Lazzaro (Vangelo) sono ospitali, ma mentre Marta incontra l’amico Gesù, ed è presa da quanto può fare per lui, Maria riconosce nell’amico il Signore e siede a suoi piedi, nell’atteggiamento del discepolo, tesa all’ascolto della sua Parola. Per questo Gesù interpella Marta per condurla al vero significato dell’ospitalità. A lei, che in maniera quasi ridicola voleva suggerirgli cosa dire, il Signore offre una nuova vita. Le parole di Gesù, «Marta, Marta», non sono un rimprovero, ma una chiamata. Già nell’Antico Testamento, il nome ripetuto indica una vocazione, designa la chiamata ad una missione particolare: «Abramo, Abramo», «Mosè, Mosè». Cristo sta donando a Marta la sua vocazione. A lei, che si accontenta di pentole e fornelli, chiede di diventare discepola; a lei, che vuole dare, chiede di imparare a ricevere; a lei, che vuole ospitare, chiede di accettare di essere ospitata nel cuore di Dio.

XVI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

22 L Santa Maria Maddalena. Memoria (bianco). Ha sete di te, Signore, l’anima mia. Gesù si fa vicino a chi, come la Maddalena, sa accostarsi accanto all’incomprensibile mistero della sua morte e risurrezione. Ct 3,1-4a oppure 2Cor 5,14-17; Sal 62,2-6.8-9; Gv 20,1-2.11-18.

23 M Santa Brigida, religiosa, patrona d’Europa. Festa (bianco). Benedirò il Signore in ogni tempo. Totalmente assorbita dalla contemplazione di Dio, Brigida, di nobile famiglia, si dedicò con passione alla cura dei poveri e dei malati, facendosi a sua volta mendicante. Gal 2,19-20; Sal 33,2-11; Gv 15,1-8.

24 M Diede loro frumento dal cielo. Tutto, nella parabola evangelica, è in funzione di un solo risultato: la crescita del seme, cioè della Parola di Dio. Es 16,1-5.9-15; Sal 77,18-19.23-28; Mt 13,1-9.

25 G San Giacomo apostolo. Festa (rosso). Chi semina nelle lacrime mieterà nella gioia. Idea centrale del Vangelo è “servire”, che non significa rinunciare alla propria libertà, ma affidarsi totalmente al Padre. 2Cor 4,7-15; Sal 125,1-6; Mt 20,20-28.

26 V Santi Gioacchino e Anna, genitori della Beata Vergine Maria. Memoria (bianco). Signore, tu hai parole di vita eterna. Sui genitori di Maria Dio ha posto la sua benedizione e la sua grazia. Maria avrà il privilegio di diventare Madre di Dio. Es 20,1-17; Sal 18,8-11; Mt 13,18-23.

27 S Offri a Dio come sacrificio la lode. Le letture di oggi ci suggeriscono tre atteggiamenti: accettare la volontà di Dio, sentirsi uniti a lui e saper accogliere il prossimo. Es 24,3-8; Sal 49,1-2.5-6.14-15; Mt 13,24-30.