Settimana 7-13 agosto 2022

La vita cristiana deve essere una vigile attesa. Anche se in certi periodi può sembrare che il padrone, il Signore, non venga, non dobbiamo mai dimenticare che, se la data è incerta, è certo che egli verrà.

NON TEMERE PICCOLO GREGGE

commento-7-agosto
Al popolo, tentato di dubitare del passaggio del Signore e della liberazione, l’autore del libro della Sapienza invita a comportarsi da «figli santi e giusti, sicuri delle promesse di Dio» (I Lettura). Benché sempre messi alla prova, i credenti – ci ricorda il passo della lettera agli Ebrei – hanno la garanzia di un grande avvocato presso Dio, Gesù Cristo, che ha attraversato i cieli e dischiude il passaggio nel santuario di Dio. Nel cammino verso questa dimora certa noi, discepoli del Signore, non abbiamo alcun timore perché, sebbene piccolo gregge, siamo i depositari del Regno che il Padre prepara a chi gli è fedele. Quel che ci è richiesto è la vigilanza nel cammino, perché la perfezione evangelica non sta nella presunzione d’essere a posto in tutto, quanto nel lavoro costante su noi stessi, con un sano discernimento, per rendere la nostra vita sempre più saggia e conforme a quanto Gesù indica nel Vangelo come via al Padre. Chiediamo allora al Signore di vegliare sempre su di noi e di avere l’anima costantemente in attesa dell’avvento del suo Regno, perché esso non ci colga di sorpresa e impreparati, ma pronti e ben disposti.

CALENDARIO LITURGICO

8 Lunedì S. Domenico (memoria). I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Con l’annuncio della passione, il Signore mostra di non essere in balìa degli eventi; anzi, è ben cosciente di quale sarà l’esito della sua missione. Ez 1,2-5.24-28c; Sal 148; Mt 17,22-27.

9 Martedì * S. Teresa B. della Croce patrona d’Europa (festa). Ecco lo sposo: andate incontro a Cristo Signore. La stoltezza delle vergini non consiste solo nel non avere olio, ma anche nell’affannarsi a cercarlo quando ormai lo Sposo arriva. Os 2,16b.17b.21-22; Sal 44; Mt 25,1-13.

10 Mercoledì S. Lorenzo (festa). Beato l’uomo che teme il Signore. Cristo paragona la sua vita a un chicco di grano: è proprio quando muore che realizza sé stesso dando frutto. 2Cor 9,6-10; Sal 111; Gv 12,24-26.

11 Giovedì * S. Chiara d’Assisi (memoria). Proclameremo le tue opere, Signore. Dio ci chiede compassione per i nostri fratelli. Chi si riconosce perdonato sa perdonare. Ez 12,1-12; Sal 77; Mt 18,21–19,1.

12 Venerdì - La tua collera, Signore, si è placata e tu mi hai consolato. Appellandosi alla volontà creatrice di Dio, il Signore ribadisce il valore del vincolo nuziale. Ez 16,1-15.60.63 opp. 16,59-63; Cant. Is 12,2-6; Mt 19,3-12.

13 Sabato - Crea in me, o Dio, un cuore puro. Gesù non allontana i bambini, anzi li accoglie: a essi appartiene il regno dei Cieli. Ez 18,1-10.13b.30-32; Sal 50; Mt 19,13-15.