film izle
A+ A A-

Planimetria

Scavi condotti tra il 1947 e il 1949 hanno dimostrato che la chiesa nel primo millennio dell'era cristiana fu riedificata più volte sui resti dell'edificio precedente: nel livello più basso sono stati trovati resti di costruzioni romane (tra cui un ambiente adorno di un mosaico con cantaro e tralci di vite dell'inizio IV sec. d.C.) a cui seguono, a circa m. 2,30 sotto il livello attuale, i resti del primitivo titulus del IV secolo. Quest'ultimo era a tre navate divise da colonnati ed era orientato come la chiesa attuale; il pavimento era rivestito in "opus sectile" di marmi colorati e aveva l'altare disposto a metà della navata centrale; sui muri delle navate laterali sono state rinvenute tracce di affreschi ad imitazione marmorea.

Questo primo edificio fu distrutto da un incendio; nel V secolo ad esso se ne sovrappose un secondo che ne invertì l'orientamento e l'altare prese il posto dell'antico ingresso. La chiesa era caratterizzata da un grande recinto presbiteriale con muri intonacati e decorati di pitture a imitazione marmorei. Anche questo edificio subì molti patimenti, tra cui le ripetute e devastanti inondazioni del Tevere e, non ultime, le scorrerie dei Goti, dei Longobardi e dei Bizantini che ne saccheggiarono gli arredi. Questo edificio fu restaurato da papa Adriano I (772-795), che possedeva una casa accanto alla chiesa.

Nel IX secolo papa Gregorio IV (827-844) fece innalzare nuovamente la chiesa, i cui resti si individuano a m. 1,30 sopra il piano della seconda chiesa; il nuovo edificio (lungo m. 40,50 e largo 30.50) fu concepito sempre a tre navate ma con l'orientamento nuovamente capovolto e riportato alla situazione originaria. L'abside è ancora quella esistente come i muri perimetrali ove si aprono tredici finestre per parte, più o meno conservate. Due colonnati di dodici colonne sormontati da archi dividevano la chiesa in tre navate. Di questa chiesa si conserva anche la cripta a pianta semianulare e l'importante mosaico absidale

Display # 
Title Hits
1 - Esterno 1632
2 - Portico 1741
3 - Navata Centrale 1857
4 - Navata destra - Cappella della Resurrezione 1622
5 - Navata destra Monumento funebre del card. Pisani 1516
6 - Navata destra - Cappella di S. Antonio 1534
7 - Navata destra - Monumento funebre del canonico L. Borgia 1498
8 - Navata destra - Cappella dell’Adorazione dei Magi 1718
9 - Navata destra - Monumento funebre del cardinale veneziano Vidman 1419
10 - Navata destra - Cappella della pietà 1473